I Lupi non sono riusciti a battere un Teramo fortemente rimaneggiato, con ben sei under in campo, e sono costretti a dire addio al secondo posto, vanificando tutto quello che di buono hanno fatto per larga parte del girone di ritorno.

E' finita con il nulla di fatto una gara che l'Avellino doveva e poteva vincere. Ma una prestazione collettiva alquanto incolore e priva di mordente ha determinato quest'inopinato pareggio interno dei Lupi, che hanno consegnato incredibilmente il secondo posto al Catanzaro, che, in appena dieci giorni ha letteralmente risucchiato ben otto punti ai Biancoverdi.

Mister Braglia, due giorni orsono, in occasione della conferenza di presentazione di questo match con gli Abruzzesi, aveva detto che il secondo posto sarebbe dipeso esclusivamente dai suoi ragazzi, richiamando tutti alle proprie responsabilità. Ebbene, non essere riusciti a battere un Teramo imbottito di giovani, e senza particolari problemi di classifica (perchè il loro accesso ai play off era già stato raggiunto), è l'evidente segno che la compagine biancoverde non ha saputo meritare la piazza d'onore, alle spalle della già promossa Ternana dei record.

Mister Braglia, privo dello squalificato Aloi, aveva consegnato le chiavi del centrocampo avellinese a Di Francesco, affiancando all'ex Reggina Carriero e D'Angelo. Proprio queste due mezzali si sono rivelati tra i più deludenti della squadra. D'Angelo, in particolare, già da qualche giornata, era chiaramente in decifit di forma fisico-atletica, ma il tecnico toscano lo ha tenuto testardamente in campo per oltre settanta minuti, lasciando, viceversa, in panchina il giovane Errico, la cui imprevedibilità avrebbe meritato molto di più del quarto d'ora, o poco più, che il tecnico maremmano gli ha riservato.

Ma questi sono solo piccoli dettagli (anche se, a nostro avviso, importanti), quel che ha meravigliato negativamente è stato la scarsa vena offensiva dei Lupi, unitamente ad una carenza di idee negli ultimi trenta metri. E' vero che che sia Tito dalla mancina, che, Adamo, Ciancio e Rizzo, a turno, dalla destra hanno messo diversi palloni nel mezzo dell'area abruzzese, ma questo pomeriggio le punte biancoverdi avevano le polveri bagnate, perchè Maniero e Fella, nella ripresa, si sono letteralmente divorati due gol a pochissimi metri dal portiere ospite.

Il Teramo ha fatto la sua onesta partita e, forte della notevole freschezza atletica dei suoi tanti giovani, ha offerto una grande prestazione in mezzo al campo, mettendo soverchiamente in difficoltà la linea mediana biancoverde, troppo lenta e macchinosa. Ai Lupi è mancata la zampata vincente anche perchè, probabilmente con il passare dei minuti è anche venuta meno quella "vis pugnandi" che nel recente passato aveva consentito loro di risolvere diverse partite.

Sezione: Editoriale / Data: Dom 25 aprile 2021 alle 20:54
Autore: Rino Scioscia
Vedi letture
Print