Gli ultimi punti per conquistare la matematica salvezza. L’ostacolo di domani si chiama Ternana, ma, come se non bastasse, alla difficoltà dell’avversario si è aggiunto anche il Covid a complicare la situazione in casa corallina: “Mentalmente siamo pronti – rassicura però Caneo-. Dobbiamo fare di tutto in queste ultime partite e fare punti con qualsiasi mezzo perché dobbiamo raggiungere la salvezza, che è il nostro obiettivo. L’aspetto motivazionale, quindi, deve essere determinante per noi. La squadra sarà comunque competitiva, non guardiamo alle defezioni che possono alterare le condizioni di squadra. Insomma, quelli che andranno in campo saranno motivati”.

Brucia ancora la sconfitta di sabato scorso, ma Caneo ripensa anche agli altri punti persi: “Teramo? Un pensiero retroattivo l’ho fatto anche alla partita di Castellammare e a quella con il Catanzaro”.

Il tecnico cerca comunque di vedere il bicchiere mezzo pieno: “La squadra, però, ha sempre meritato il risultato attraverso il gioco, la mentalità. Non sempre è andata bene, ma lo spirito mi è sempre piaciuto perché è sempre stato positivo ed intraprendente. Meno punti, certo, però con delle prestazioni che mi hanno permesso di lavorare molto seriamente”.

Calciatore sicuramente in crescita e a Teramo anche autore dell’assist del momentaneo pareggio, Ferretti “è un eclettico – lo definisce Caneo-, può coprire tutti i ruoli della difesa e del centrocampo. Fa bene alla squadra, fa bene al gruppo avere elementi che possono ricoprire più ruoli”.

Elemento indispensabile per l’attacco, invece, Luca Giannone che “ha qualità tecniche balistiche importanti – commenta il tecnico-, quindi per noi deve essere una variante che può portare beneficio alla squadra. Lo vedo dappertutto nella fase d’attacco e per noi è un riferimento importante”.

Al “Liguori” arriva una Ternana con la promozione in B già in tasca, ma intenzionata a non fare sconti a nessuno: “Dobbiamo guardare a noi stessi – afferma Caneo-. Complimenti a loro perché in questi anni hanno speso molto e consolidato la società, quindi hanno costruito un organico che quest’anno ha permesso di fare il salto di categoria”.

Caneo troverà di fronte Lucarelli, un allenatore che sta facendo la gavetta: “Magari uno ha la fortuna di iniziare subito dall’alto e non farsi male, piuttosto che iniziare dal basso per crescere bene e per dare un senso a livello tecnico alla propria squadra. È un discorso di mentalità”.

.La sfida con la Ternana sarà dedicata alla memoria di quel Viciani, allenatore sia di Turris che Ternana, che introdusse il concetto di “calcio corto”: “Sì, è un concetto che mi piace – commenta Caneo-. Nella testa di un calciatore implica la mentalità di non buttare mai via la palla e di cercare sempre delle geometrie sul campo per evitare il pressing degli avversari. È una mentalità che stiamo usando anche noi per poter far sì che la partita si incanali come noi vogliamo”.

Politica news: tutta la politica italiana

Sezione: Serie C / Data: Sab 10 aprile 2021 alle 21:30 / Fonte: tuttoturris.com
Autore: Antonio Vistocco
Vedi letture
Print