Sono Paolo Dal Pino (Presidente della Lega Serie A) e Umberto Calcagno (Presidente AIC) i nuovi vice presidenti della Figc. Il nome di Dal Pino è stato indicato - come prevede lo Statuto - dal numero uno della Federcalcio, Gabriele Gravina. Il Consiglio Federale ha provveduto anche ad integrare i componenti del Comitato di Presidenza (Gravina e Dal Pino sono membri di diritto) con l’elezione dei consiglieri Francesco Ghirelli, Cosimo Sibilia e Mario Beretta. Gravina ha anche espresso la volontà di procedere in una prossima riunione "al rinnovo delle cariche dei Settori della FIGC (Tecnico e Giovanile e Scolastico), nonché all’individuazione di professionisti qualificati in diversi ambiti per formare un organo consultivo di supporto alla Presidenza, così come annunciato in sede di elezione federale". Attesa la necessità di rinnovare tutti gli organici della Giustizia Sportiva federale, il Consiglio ha votato all’unanimità l’avvio dell’iter della manifestazione di interesse che si concluderà il prossimo 15 aprile.

"In vista degli importanti cambiamenti che stanno interessando la Divisione Calcio Femminile e con particolare riferimento al percorso che porterà al passaggio al professionismo nella stagione 2022/2023 - sottolinea la Figc con una nota - il Consiglio ha votato delle modifiche regolamentari portando da 7 a 9 il numero dei componenti del Consiglio Direttivo, aumentando da 4 a 5 il numero di consiglieri eletti dal Consiglio Federale e da 3 a 4 il numero di consiglieri eletti dalle società, di cui tre in rappresentanza della Serie A e uno in rappresentanza della Serie B. E’ stato inserito anche un meccanismo di voto ponderato per le deliberazioni dell’Assemblea della Divisione per equiparare il peso delle società di Serie A (12) e di Serie B (14)".

Riguardo la ripresa dei campionati di Eccellenza, la Figc ha chiarito che "dopo un’approfondita discussione in cui sono state valutate le diverse richieste pervenute dalla base, tenuto conto della posizione della LND e dell’evoluzione della pandemia, il Consiglio ha condiviso la volontà di far ripartire i campionati di Eccellenza maschile e femminile di calcio a 11 e i campionati maschili e femminili di Serie C-C1 di calcio a 5. Il Consiglio Federale ha dato delega al presidente federale, d’intesa con i vice presidenti, per assumere le conseguenti decisioni una volta recepite le indicazioni specifiche della LND sui format a valle della riunione del Consiglio Direttivo del prossimo 10 marzo. Il Consiglio ha ribadito che l’obiettivo principale resta sempre la tutela della salute di tutti gli addetti ai lavori". "L'Eccellenza ripartirà - ha dichiarato Gravina al termine del CF -. Il nostro ruolo è quello di permettere ai ragazzi di riprendere a giocare nel rispetto delle norme legate alla tutela della salute. Non ci saranno retrocessioni dall'Eccellenza verso il campionato di Promozione. Valore al merito sportivo, invece, per quanto riguarda le promozioni verso l'Interregionale, quindi la Serie D. Valuteremo anche in base al decreto ristori che tipo di intervento possiamo dare alle società di Eccellenza che decideranno di riprendere la loro attività". Sulla sala del Consiglio Federale dedicata a Paolo Rossi: "E’ un ricordo doveroso da parte del mondo del calcio perché credo che attraverso la memoria possiamo trasmettere quei valori che il nostro mondo racchiude e che ha delle testimonianze in protagonisti che a volte la vita ci sottrae inaspettatamente. Ci tenevamo a dedicare a Paolo la sala più importante della federazione e mi auguro di potergli dedicare presto anche il Salaria Sport Village. Attraverso le immagini e i ricordi che ha scolpito nella nostra memoria e nel cuore vogliamo ricordarlo alle future generazioni per quello che ha rappresentato nella vita di ciascuno di noi”.

Sezione: Primo Piano / Data: Ven 05 marzo 2021 alle 15:45
Autore: Stefano Sica
Vedi letture
Print