Con la vittoria sul Sorrento nell'anticipo, di cui abbiamo raccontato sabato scorso, il Portici scavalca la Puteolana nel girone H di serie D lasciando i granata all'ultimo posto in classifica anche se con due gare da recuperare (la prima mercoledì ad Altamura). Match vibrante, disputato a tratti su ritmi piacevoli e sempre incerto. Di seguito i Top e i Flop del derby.

TOP 

Salvatore Elefante (Portici) - Non si risparmia mai e, specie nel primo tempo, è una autentica spina nel fianco dei costieri. L'ex rossonero crea, inventa, si danna l'anima e fa quello che vuole col pallone, garantendo qualità e ritmo alla manovra azzurra. Va anche vicino al gol ma Scarano prima e Masullo poi, prima dell'intervallo, gli negano la gioia personale. Una rete gli viene poi annullata per fuorigioco nella ripresa, quando ispira anche il definitivo tris azzurro. Ha una marcia in più e si vede. 

Roberto Masullo (Sorrento) - In un pomeriggio non esaltante per i rossoneri, a cui manca la cattiveria giusta per uscire imbattuti dal "San Ciro", spicca la sua prestazione. Nel primo tempo, il terzino salernitano sforna la pennellata che mette Fusco in condizione di incornare a rete per la prima vera chance ospite, ma la palla esce di un soffio, poi sul finale compie un delizioso salvataggio su Elefante che sta per battere verso Scarano a colpo sicuro. Il suo sinistro è morbido e vellutato, ma paradossalmente è col destro, dopo un bel gioco di gambe, che disegna la traiettoria su cui si avventa Mezavilla per il colpo di testa vincente.

FLOP

Nessuno nel Portici, dove tutti assicurano il loro contributo alla causa.

Romeo Scarano (Sorrento) - Gioie e dolori per il numero uno rossonero, che vive un pomeriggio sempre all'insegna dell'apprensione e della vigilanza. Logico che non tutto possa andargli bene. Il Portici, per quanto fanalino di coda, riesce a creare tantissimo dalle sue parti e lui, quando può, ci mette una pezza come su Elefante in apertura. Ma in altre situazioni cade rovinosamente: duplice il pasticcio in occasione del rigore porticese, quando prima esce a vuoto sul lancio di Nappo e poi travolge Bisceglia in area. Anche la corta respinta sulla fucilata di Elefante regala a Maione il tap-in giusto per il gol vittoria. Insomma, qualche errore di troppo che decide il match. Ma sono anche altri i rossoneri che finiscono dietro la lavagna: su tutti Basile, disattento sull'inserimento vincente di Grieco, o Camara che a centrocampo è un autentico fantasma.

Sezione: Serie D / Data: Lun 03 maggio 2021 alle 16:30
Autore: Stefano Sica
Vedi letture
Print