Intensità e passione alla base del successo del San Giorgio ieri (domenica per chi legge)contro un ostico Pomigliano. Mister Borrelli è stato bravo nel trasmettere serenità e mentalità vincente sin dal suo arrivo motivando ogni singolo elemento. Nell’ultima settimana la squadra è scesa in campo 3 volte, per sopperire ad eventuali infortuni/squalifiche c’è bisogno del supporto di tutti. Al triplice fischio finale il main sponsor Francesco Mango - cuore del progetto -abbraccia le proprie figlie e tutti i suoi stretti collaboratori. Ha investito tanto nella sua creatura puntando fortissimamente alla serie D. Dopo lo scoramento per i primi pareggi ecco il filotto di vittorie che proietta la squadra al primo posto (11 punti) nel rispettivo girone(C). Quando si lavora meticolosamente e bene, i risultati arrivano. Undici giocatori che scendono in campo consapevoli che in questa fase clou della stagione è vietato commettere passi falsi. Il primato meritato è stato conquistato, ora va difeso a denti stretti. Sugli scudi la stella e la straordinaria vena realizzativa di Giuseppe Meloni splendido capocannoniere con 4 reti.

Un fiume in piena il main sponsor Francesco Mango:”Godiamoci questa vittoria, ora pensiamo alla gara di domenica. Sono contento e andiamo avanti così. 11 punti di cuore, sacrificio e passione. 25 ragazzi che danno l’anima e credono in questo progetto, mi danno tutto. Vanno solo elogiati contro una squadra difficile come il Pomigliano. Bisogna avere rispetto di tutti ed essere consapevoli dei propri mezzi. Dobbiamo recuperare Manzi, Tiscione, De Rosa, Di Paola debilitato dal Covid. Diremo la nostra fino alla fine. Nel prossimo turno riceveremo la Barrese,altra sfida importantissima. I calciatori sono abituati a queste partite. Siamo sereni e la prepariamo nel migliore dei modi. Dedico la squadra al mister, alla squadra, allo staff , ai dirigenti sempre vicini. Una grande famiglia che lavora seriamente per centrare qualcosa d’importante..”

Sezione: Eccellenza / Data: Mar 04 maggio 2021 alle 11:45
Autore: Alfonso Marrazzo
Vedi letture
Print