Giovanni Palma, Avvocato e presidente del Sora Calcio, club militante in Eccellenza Lazio sbotta contro le nuove sospensioni dei campionati. Il numero uno dei laziali in mattinata tramute un lungo ed esplicativo post sul proprio profilo social ha annunciato le proprie dimissioni:

“La lnd( lega nazionale dilettanti) ha interrotto l’ 8 marzo 2020 i campionati dilettantistici  -si legge- promuovendo in d gente che non meritava a discapito del Sora o altre piazze egualmente solide e meritevoli. Decidendo di non far riprendere i campionati nel periodo in cui i contagi erano bassissimi ed i calciatori avrebbe potuto guadagnarsi il rimborso rimanente, è ripartita ,come se nulla fosse, facendo spendere enormi capitali per poi fermarsi dopo quattro giornate. Il rinvio a un mese deciso ieri è una barzelletta oramai quest’ anno è buttato. Il colmo sarà che gli immeritevoli in d vedranno anche il blocco delle retrocessioni. Complimenti!!!

Premesso che nel calcio i contagi sono bassissimi -continua Palma- mi dite che senso ha dividere i dilettanti di seria a con quelli di serie b. Se l’ eccellenza può essere trattata in modo così discriminatorio non ha senso continuare. Perché un ragazzo con famiglia se gioca in d potrà portare il pane a casa ,se giocava a Sora in eccellenza non avrà questa possibilità? Perché i presidenti di d che hanno investito continuano ,mentre quelli di eccellenza dovranno per il secondo anno rimetterci i soldi, la passione ed il tempo? Sora è una piazza da serie d ,noi a Sora lo sappiamo, peccato per voi che non sapete cosa vi perdete. Invito tutti i presidenti dall’ Eccellenza in giù a dimettersi come il sottoscritto!

Si facessero loro le classifiche come meglio credo ,intanto con questo provvedimento è stata tolta la dignità a tutte le piazze sotto la d.”

Sezione: Campionati Minori / Data: Mar 27 ottobre 2020 alle 12:45
Autore: Alfonso Marrazzo
Vedi letture
Print