"E' stata una partita complicata e lo sapevamo. Abbiamo incontrato una squadra viva, che sa metterti in difficoltà. Nel primo tempo abbiamo sofferto tanto, non abbiamo creato niente e ci siamo innervositi inutilmente. Nel secondo tempo è venuta fuori la nostra superiorità: abbiamo fatto cose egregie e la vittoria è meritata". Continua a non fare prigionieri la Gelbison, corsara ieri sul campo del Rende (2-1). Gara double face, come ammette il tecnico Pino Ferazzoli

"I tre punti sono stati cercati e voluti. Quello che ci siamo costruiti finora, vogliamo prolungarlo il più possibile. Tra il primo e secondo tempo ho detto ai ragazzi che eravamo troppo titubanti e impauriti. E' vero che non era facile giocare palla a terra su quel campo, ma quando lo abbiamo fatto la prestazione è stata eccellente. E il Rende è attualmente una delle squadre più difficili da affrontare a casa sua. La doppietta di un difensore può fare scalpore, ma Mautone è un giocatore bravo, esperto e forte di testa. Si è trovato al posto giusto nel momento giusto. Chiudiamo la settimana con nove punti in tre partite e questo è un motivo di grande soddisfazione, anche se questo è un campionato che non concede soste". 

Sezione: Serie D / Data: Lun 01 marzo 2021 alle 14:45
Autore: Stefano Sica
Vedi letture
Print