Buon punto per la Puteolana che, al "Tonino D'Angelo", agguanta sul pari la Team Altamura (1-1) grazie ad un guizzo di Guarracino e, pur restando ultima, accorcia sul Portici a -1. Gravina (fermato in casa dal Nardò) e Brindisi, terzultimi, sono soltanto a +4. Gara che nel primo tempo ha visto i murgiani maggiormente protagonisti, ma che i granata hanno rimesso in piedi nella ripresa dopo il gol fortunoso realizzato da Spano, per poi sfiorare più volte la vittoria grazie ad un quarto d'ora abbondante di rara autorevolezza. All'andata avevano trionfato i biancorossi 3-1: era stato il match inaugurale dell'avventura di Adamo Guarino al vertice della Puteolana. 

FORMAZIONI - Andrea Ciaramella presenta un sostanziale 4-2-3-1 in fase offensiva con Ruggiero ad agire alle spalle del falso nueve Celiento. Fibiano e Festa vanno a supporto, Catinali costruisce e Lauria è chiamato ad assicurare interdizione. I terzini sono Basso e Armeno, il tandem centrale Riccio-Granata deve proteggere il numero uno Romano. La Team Altamura conferma il 3-4-3 con Guadalupi e Baradji in mediana e Spano e Bozzi a supporto di Tedesco in attacco. 

PRIMO TEMPO - Celiento scalda subito i muscoli ma la sua conclusione è telefonata per Donini, mentre sono proprio i biancorossi ad andare vicini al gol: Granata perde palla servendola involontariamente a Bozzi, il quale percorre qualche metro e sforna il diagonale che Romano deve ricacciare in corner. Catinali predica nel vuoto, mentre i padroni di casa mantengono il comando delle operazioni provando a sfruttare soprattutto la loro corsia di sinistra, là dove Basso va perennemente in difficoltà tra Spano e Casiello. E' di quest'ultimo il traversone su cui Tedesco si avvita spedendo la sfera a lato. L'attaccante classe '97 prova allora una conclusione a giro, approfittando di una incomprensione tra Catinali e Basso, ma anche stavolta non inquadra la porta. E' un momento molto favorevole per i murgiani, che spingono e lasciano agli ospiti solo qualche ripartenza che, tuttavia, la scarsa brillantezza di Celiento non permette di sfruttare appieno. Anzi, è ancora Spano a far impazzire Basso e a servire con un tocco orizzontale Bozzi che si fa murare il tiro da Granata. Quindi chiude Lo Russo con una botta dalla lunga distanza che termina larga. Si va al riposo con la Puteolana che salva la pelle non senza un pizzico di fortuna. La stessa che però, ad inizio ripresa, sorriderà ai murgiani.

SECONDO TEMPO - Si parte e la Team Altamura si porta subito in vantaggio, un po' a sorpresa: Ruggiero perde palla a beneficio di Baradji, il cui tocco involontario innesca Guadalupi che allarga immediatamente a sinistra per Spano: l'esterno sardo, piazzato sulla linea laterale all'altezza del vertice dell'area di rigore, lascia partire un tiro-cross ad effetto che si insacca alle spalle di Romano. E' un gol meritato per i biancorossi, anche se ottenuto in modo rocambolesco. Durante l'intervallo Ciaramella, comprendendo il momento di difficoltà di Basso, peraltro già ammonito, lo aveva avvicendato con Sardo. Poi era stata la volta di Cigliano per Ruggiero e Guarracino per Catinali. Un cambio, l'ultimo, che aveva consentito a Celiento di tornare a sinistra a supporto di Guarracino con Festa rimasto a destra. La Puteolana fatica a reagire con celerità anche se, pian piano, esce dal guscio e inizia a creare qualcosa di interessante. Celiento prima indirizza troppo largo il proprio diagonale, poi in piena area spara addosso a Donini a conclusione di una trama spettacolare, tutta in verticale e costruita sull'asse Catinali-Cigliano-Lauria: quest'ultimo vede a destra Festa, il cui cross basso trova l'ex Turris pronto al tiro al volo. I murgiani sono sulle gambe e i granata, intuendolo, cominciano ad aumentare la loro pressione. La botta di Baradji non crea alcun problema (palla a lato) ed è semmai la Puteolana ad andare ad un passo dal pari quando sul lancio lungo di Riccio c'è uno svarione clamoroso di Fedel: Celiento è bravo ad inserirsi ma, appena arrivato a tu per tu con Donini, lo grazia con un tocco maldestro che sfila clamorosamente a lato. Langone, appena entrato, scalda i guantoni di Romano ma al 32' arriva il meritatissimo pari: Armeno, dopo essersi divorato la fascia sinistra, pennella un traversone su cui si fionda di prepotenza Guarracino, incornata vincente e gara riequilibrata. Chi però crede che i granata siano appagati, fa male i conti: da quel momento inizia un forcing frenetico e vigoroso, coi biancorossi alle corde e i flegrei protesi con generosità alla ricerca dei tre punti. La Team Altamura è in palese affanno e fatica ad uscire dagli ultimi 30 metri, la Puteolana vuole la vittoria a tutti i costi: Riccio sfodera il sinistro su cui Donini fa il miracolo, quindi Guarracino manda incredibilmente a lato a porta vuota dopo aver raccolto una sapiente verticalizzazione di Lauria. Il rammarico è più forte della soddisfazione quando il cagliaritano Cappai sancisce la chiusura della sfida. Resta certamente un secondo tempo disputato su buoni livelli, di cui almeno la seconda parte di grande intensità. Ma, ai punti, la vittoria l'avrebbe meritata la squadra di Ciaramella. L'operazione salvezza, comunque, è tutt'altro che archiviata.    

TEAM ALTAMURA-PUTEOLANA 1-1

1'st Spano (TA), 32'st Guarracino (P) 

TEAM ALTAMURA (3-4-3): Donini, Kanoutè (23'pt Lorenzo), Casiello, Fedel, Lanzolla, Lo Russo (25'st Pantano), Spano, Baradji (25'st Langone), Tedesco, Guadalupi (29'st Logoluso), Giuseppe Bozzi (16'st Sisalli). A disposizione: Bozzi L., Gambuzza, Lucchese, Russo. Allenatore: Alessandro Monticciolo (squalificato).

PUTEOLANA (4-2-3-1): Romano, Basso (1'st Sardo), Riccio, Granata, Armeno; Lauria, Catinali (15' Guarracino); Festa, Ruggiero (7'st Cigliano), Fibiano (32'st Romeo); Celiento. A disp.: Vincenzo Riccio, Massa, Corcione, Marigliano, Ragosta. Allenatore: Andrea Ciaramella.

ARBITRO: Enrico Cappai (Cagliari).

ASSISTENTI: Ilario Montanelli (Lecco) e Matteo Manni (Savona)

AMMONITI: Lanzolla (TA), Festa (P), Basso (P), Tedesco (TA), Lauria (P) 

ANGOLI: 3-2

RECUPERO: 1'pt, 5'st

Sezione: Serie D / Data: Mer 05 maggio 2021 alle 18:00
Autore: Stefano Sica
Vedi letture
Print