Attraverso una nota ufficiale, il Sindaco di Giugliano, Nicola Pirozzi, ha voluto fare il punto sulla situazione societaria del club gialloblù, rivelando i dettagli dell'incontro avuto col patron Giovanni Palma. 

"Questa mattina ho incontrato il presidente del Giugliano calcio, l’avvocato Giovanni Palma ed una delegazione della compagine societaria, per capire cosa stia accadendo al punto da voler consegnare simbolicamente il titolo sportivo al sindaco. 

Prima di entrare nel merito di qualsiasi valutazione, voglio esprimere la mia personale solidarietà al presidente e alla società sportiva per gli episodi dì violenza e di intimidazione denunciati. Qualunque siano i motivi, gesti del genere sono ingiustificabili e la violenza va sempre condannata, combattuta ed estirpata. E in nessun modo può rappresentare né la città di Giugliano e nemmeno il calore di una tifoseria che da sempre esprime con grande correttezza e sportività amore per la maglia e per la città. 

Una tifoseria composta da sportivi e anche da gruppi organizzati che vivono per la maglia, che vivono per il Giugliano e per Giugliano, facendo sacrifici, anche economici, per sostenere ovunque, al netto della pandemia, i colori della nostra terra ben oltre i risultati. Chilometri e passione espressioni di un connubio indissolubile tra i colori e la comunità sportiva. 

Ecco perché stigmatizzo e condanno la violenza ma allo stesso tempo bisogna perseguire ogni soluzione utile affinché prevalga la sportività, la correttezza e la responsabilità, unici elementi in grado di riportare serenità all’ambiente ed alla squadra, ripianando i malumori e le incomprensioni. 

Da quanto dichiarato dal presidente, c’è la sua volontà di proseguire l’avventura alla guida del Giugliano e se l’ha messa in discussione, non essendoci problemi di bilancio, è solo per le minacce subite. Ed è assurdo che una comunità civile come la nostra possa, a causa di pochi facinorosi, passare per ció che non è. 

Ecco perché l’amministrazione ha espresso solidarietà al presidente del Giugliano per le minacce ricevute e resterà attenta alle eventuali evoluzioni sportive e societarie, pronta sempre ad esercitare il ruolo di competenza qualora se ne manifestasse la necessità. Solo ed esclusivamente per tentare di garantire la sopravvivenza della squadra di calcio della nostra città". 

Sezione: Serie D / Data: Ven 09 aprile 2021 alle 20:45
Autore: Stefano Sica
Vedi letture
Print